28 giorni dopo

Film 2002 | Horror 112 min.

Titolo originale28 days later
Anno2002
GenereHorror
ProduzioneGran Bretagna, Paesi Bassi
Durata112 minuti
Regia diDanny Boyle
AttoriCillian Murphy, Christopher Eccleston, Naomie Harris, Brendan Gleeson, Ricci Harnett .
Uscitavenerdì 13 giugno 2003
TagDa vedere 2002
Distribuzione20th Century Fox
MYmonetro 3,01 su 82 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Danny Boyle. Un film Da vedere 2002 con Cillian Murphy, Christopher Eccleston, Naomie Harris, Brendan Gleeson, Ricci Harnett. Titolo originale: 28 days later. Genere Horror - Gran Bretagna, Paesi Bassi, 2002, durata 112 minuti. Uscita cinema venerdì 13 giugno 2003 distribuito da 20th Century Fox. - MYmonetro 3,01 su 82 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi 28 giorni dopo tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Londra. Un gruppo di animalisti liberano degli scimpanzè affetti da un virus misterioso. 28 giorni dopo la metropoli inglese sembra diventata una città fantasma. In Italia al Box Office 28 giorni dopo ha incassato 1,1 milioni di euro .

28 giorni dopo è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,01/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,02
CONSIGLIATO SÌ
Danny Boyle riporta in vita gli zombies con un bel senso del ritmo, interpreti funzionali alla narrazione, qualche azzeccata soluzione di montaggio e una notevole colonna sonora.
Recensione di Marco Cavalleri
Recensione di Marco Cavalleri

Inghilterra, oggi.Durante un blitz un gruppo di animalisti irrompe in un laboratorio dove alcuni scimpanzè vengono sottoposti alla visione forzata di immagini violente. Il ricercatore che studia le cavie avverte gli attivisti che gli animali sono affetti da un virus sconosciuto e pericoloso. Malgrado ciò, i membri del commando decidono di liberare gli animali, da cui vengono immediatamente attaccati. 28 giorni dopo, Jim si risveglia in una Londra deserta e spettrale. La città sembra deserta e Jim vaga alla ricerca di esseri umani. E' solo l'inizio di un'avventura dai risvolti terrificanti, dove l'uomo civilizzato si conferma come la belva peggiore... Dopo un paio di film sbagliati, Danny "Trainspotting" Boyle torna a far centro, con un horror a basso costo e girato in digitale che dà punti a molte produzioni miliardarie. Tutto già visto, intendiamoci,con profluvi di citazioni (da Romero alla serie Tv "i Sopravvissuti") a volte decisamente perdenti rispetto agli originali. Ma almeno c'è un bel senso del ritmo, interpreti funzionali alla narrazione, qualche azzeccata soluzione di montaggio e una notevole colonna sonora. E qualche brivido è assicurato. Piacevole.

Sei d'accordo con Marco Cavalleri?
Andrea Chirichelli

Millenarista e permeato di un cupo pessimismo, l'ultimo dell'autore di Trainspotting e The beach, risulta essere uno dei migliori film di quest'ultimo scorcio di stagione. La concomitanza con la recente epidemia di Sars, che ha atterrito mezzo mondo rende il film ancor più sinistro di quelle che erano le intenzioni del regista (che usa una telecamera digitale che rende sporca e sgranata ogni inquadratura) e degli sceneggiatori. A metà tra Resident Evil e L'esercito delle 12 scimmie, 28 giorni dopo ha un incipit spettacolare: appena risvegliatosi dopo un incidente il protagonista, si trova a percorrere le strade deserte di una Londra mai così spettrale, desolata, livida ma al tempo stesso vera e credibile. Un paio di anni fa si era fatta una gran cagnara per una sequenza dell'orrendo Vannila sky nella quale Tom Cruise percorreva da solo un tratto di strada deserto nel cuore di New York; ma il risultato ottenuto da Boyle va al di là di qualsiasi aspettativa: chilometri e chilometri, rappresentati con una efficace panoramica, senza poter scorgere anima viva. A suo modo, freddamente spettacolare. La seconda parte del film, più basata sull'azione e sullo splatter, con numerosi scontri a fuoco e scene raccapriccianti, è meno valida, ma l'insieme complessivo è altamente godibile e nettamente superiore ai film del genere prodotti in America. Aperto con uno sberleffo alle forze animaliste (è a causa della loro azione che il contagio si diffonde), il film proietta una luce cupa sulla società moderna, in cui il detto "homo homini lupus" è quantomai attuale e problematico, lasciando all'amore e al sentimento l'unico appiglio per i sopravvissuti. Dolente e drammatico, 28 giorni dopo è sicuramente, sia grazie al riuscito plot, sia grazie alle performance di attori non troppo conosciuti ma validissimi, una boccata d'aria fresca in un panorama alquanto desolante per originalità e bellezza

Sei d'accordo con Andrea Chirichelli?
28 GIORNI DOPO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€14,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 14 novembre 2010
Andrea b

Un gruppo di animalisti irrompe in un laboratorio in cui vengono praticati degli esperimenti sugli animali riuscendo a liberare delle scimmie portatrici di un pericolosissimo virus.Ventotto giorni dopo un ragazzo in coma di nome Jim si sveglia in una Londra deserta e abbandonata.Boyle si cimenta in un horror che riesce a non cadere nelle solite banalità del genere.

martedì 14 giugno 2011
DarkOmen98

28 giorni dopo l'nizio di un'epidemia Jim si sveglia in ospedale. Passeggia solitario per le strade di Londra in un sileno assordante. Viene a contatto con gli infetti, annebbiati mutanti cannibali, mentre scappa viene soccorso da due sopravvissuti con cui comincia un lungo viaggio alla ricerca di un senso alla sopravvivenza. Da questo punto di partenza, già notvole in quanto contiene [...] Vai alla recensione »

venerdì 9 ottobre 2015
Filippo Catani

Londra. Un gruppo di animalisti libera delle scimmie che però erano state infettate con la rabbia per svolgere dei test. Nel giro di 28 giorni Londra e il resto dell'Inghilterra hanno assunto una atmosfera spettrale. Un giovane ragazzo, appena risvegliatosi dal coma, dovrà cercare di sopravvivere. Ottimo film targato Boyle che si avvale di una fotografia e di una colonna sonora sublimi. [...] Vai alla recensione »

martedì 25 settembre 2012
Alex41

Fotografia sporca, effetti speciali splatter, riprese movimentate quasi da film tv, questo "28 giorni dopo" può piacere o non piacere: per molti è sembrato un buon film di zombie mentre per altri una bufala. Io mi trovo esattamente nel mezzo: non lo trovo un capolavoro, anzi in molte scene è piatto, e le scene con gli zombie (anche se volute) sono fatte abbastanza bene, [...] Vai alla recensione »

sabato 5 marzo 2016
elgatoloco

Questo"28 days later"risulta un film più che interessante: a parte la situazione di partenza(virus prodotto"in vitro", poi diffuso, per una"fuga"), la metropoli deserta e percorsa inizialmente da un solo protagonista(dove la parola assume una valenza forte, anche se poi si aggiungono altri"attanti", per ovvi motivi, essendo comunque difficile realizzare, [...] Vai alla recensione »

venerdì 1 febbraio 2013
mystic

Jim (Cillian Murphy), ragazzo risvegliatosi dal coma dopo 28 giorni, scopre che la popolazione inglese è stata decimata dagli zombie, uomini infettati da un potente virus che a loro volta ne infettano altri. Cercherà di fuggire, anche grazie all'aiuto di nuovi amici, raggiungendo Manchester, ultimo baluardo per la salvezza. 28 giorni dopo è l'ennesima trasposizione cinematografica di una storia quasi [...] Vai alla recensione »

lunedì 9 aprile 2012
StephenD.

 Nonostante il tema dell’infezione e degli zombie sia uno dei temi più usati (a volte anche abusati) nella storia del cinema horror (Basti solamente pensare al genio di Romero), 28 giorni dopo si caratterizza da subito per le sue inquadrature spettrali (e spettacolari) girate quasi interamente in digitale: da una Londra deserta e abbandonata in cui non può che fare da padrone [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 febbraio 2011
Sixy89

Sinceramente mi è parso di vedere un film di 96 ore..Io sono un'appassionata di horror, thriller, ecc, ma questo è veramente anonimo. Esiste una così grande filmografia del genere zombie o epidemico che se un regista decide di farci un nuovo film deve puntare molto più in alto. Tutta roba già vista e rivista, senza nulla di nuovo, e senza contare la parte finale [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 maggio 2010
wynorski guiaz '80s

Un ristretto gruppo di superstiti ad una dilagazione epidemica di rabbia in tutta la Gran Bretagna è in perenne fuga dai milioni di infetti che popolano ormai le periferie dei centri cittadini e le campagne Inglesi. Giunge però, un messaggio radio dell'esercito che afferma la salvezza e protezione dagli infetti poco prima di Manchester.

martedì 3 novembre 2009
DYD 666

Uno dei migliori film horror degli ultimi anni. Danny Boyle, regista poliedrico che spazia dalla commedia all'horror, dal drammatico alla fantascienza, è riuscito a confezionare una pellicola horror con i controcazzi da far invidia a tutti i cosiddetti registi di genere. I personaggi sono credibili, l' adrenalina è a mille, c'è sangue nei momenti giusti e luoghi ed atmosfere sono spettacolari (le scene [...] Vai alla recensione »

giovedì 21 maggio 2009
giamma69

Per me questo film è davvero riuscito, Danny Boyle crea un' atmosfera cupa e molto horror, aiutato da una colonna sonora bellissima riesce a creare un film che sicuramente non può non piacere, almeno agli amanti del genere, comunque la si pensi non si può assolutamente dire che sia un brutto film mio voto 4 su 5

domenica 13 ottobre 2013
Pulp96

Allo spettatore disinteressato e anche un po' superficiale potrebbe sembrare il classico film zombie - splatter anche di basso rango , ma l'atteggiamento del film è tutt'altro. Il film si discosta dai soliti canoni monotoni filmici del genere e approda su un altro pianeta. La prima parte del film è un inno alla morte, ci mostra la distruzione, il nulla, l'anarchia. [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 agosto 2013
Matteo Manganelli

Per chi ama il genere ormai è già un cult. Danny Boyle, regista di pellicole più o meno riuscite, anche se sempre caratterizzate da una visionaria e continua sperimentazione dei mezzi tecnici, ha realizzato uno dei migliori film di zombie di sempre e lo ha fatto rivoluzionando la figura del morto vivente, rendendolo un infetto rabbioso.

sabato 20 marzo 2010
Lindo

trama originale che lascia un senso di ansia e di vuoto, anche se il tema è stato trattato 100naia di volte, il film è molto bello, solo alcune piccole inaccortezze, del tipo: quando il protagonista ritorna a casa e vede la registrazione dei suoi genitori ormai morti, nel vecchio filmino che vede, è vestito con il camice d'ospedale, lo stesso che indossa al risveglio dal coma; nella scena sul tetto, [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 gennaio 2010
beppe's

l'ho ri-visto giusto ieri sera su Iris Mediaset, buon film horror, bravo Danny Boyle

sabato 13 settembre 2014
Aigle des Alpes

La paura (con i suoi corollari di orrore e terrore) è compagna dell'uomo tanto quanto la speranza. Al terrore si sfugge o si soccombe, senza che quest'ultima scelta abbia necessariamente una connotazione negativa, come dimostrato dal gesto dei genitori del protagonista. Così come si dice che il viaggio è la meta, in questo film la fuga è la speranza, dato che la meta non è necessariamente un porto [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 luglio 2012
DarkEnry

Un film veramente fantastico che,oltre ad essere un horror, è anche un film molto drammatico che ci fa riflettere sulla violenza umana. Infatti il contaggio è avvenuto per via di alcune scimmie infette da un forte forma di Rabbia. Tutto ciò ha portato alla disperazione e nel film vediamo come i soldati, che dovrebbero essere l'ultima forma di civiltà rimasta, siano così [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 luglio 2011
LUCIDO71

Sì, visto dopo 10 anni, devo comunque ammettere che quest'horror ancora se la guadagna. Daccordo con la recensione di MyMovies in tutto, confermo che la pellicola tiene davanti lo schermo con il classico nodo in gola: buon ritmo, e buoni i dialoghi.. anche se il tutto già prevedibile e visto.. se amate il genere, suggerisco: L'ALBA DEI MORTI VIVENTI (remake), INVASION, LA CITTA' [...] Vai alla recensione »

lunedì 13 dicembre 2010
Livio De Fabrizio

Scimmie utilizzate per esperimenti scientifici, poste dinanzi a immagini violente, ammalatesi forse per questi motivi di una specie di rabbia che le rende terribilmente aggressive, vengono liberate da un gruppo armato di animalisti e scatenano il morbo per tutta la Gran Bretagna, che viene messa in quarantena. Alla fine del film, i superstiti potrebbero anche essere soltanto tre.

mercoledì 17 marzo 2010
Rick333

La storia può sembrare non originale, ma il film è diretto e recitato bene, quindi tale aspetto passa sicuramente in secondo ordine. La trama è vivace e molto verosimile, considerando che stiamo parlando sempre di un film horror catastrofico. Non mancano i colpi di scena ed alla fine la visione risulta molto piacevole. Di fronte a tanti altri titoli dello stesso genere questo non [...] Vai alla recensione »

mercoledì 30 novembre 2016
Francis Metal

mi sono stancato di queste pellicole copia e incolla!

giovedì 26 febbraio 2015
floyd80

 Per i famelici appassionati degli zombie-movie un film da conservare nella propria videoteca horror. Bravissimi gli attori (...ehi è un horror con bravi attori...), musiche fantastiche (...ehi stiamo parlando di Danny Boyle uno che di musica ne mastica...), fotografia eccelsa (...Londra vuota è uno spettacolo...) e i morti che corrono (.

lunedì 1 luglio 2013
max1974

Di zombie- movies ne ho visti parecchi, ma questo non ha avuto i giusti meriti ed elogi che avrebbe dovuto. L'inghilterra nn l'ha pubblicizzato abbastanza , un'idea originale mal copiata dagli USA ma ben pubblicizzata con io sono leggenda. Ma questo film è originale ed inimitabile per come nasce, per l'idea, per le musiche, per il phatos delle scene, per il senso di realismo [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 febbraio 2012
UltimoInquisitore

Ormai è un classico horror da rispolverare ogni tanto dalla videoteca per lasciarci inchiodare nuovamente alla poltrona. Si respira Romero, Io sono leggenda, Resident Evil, ma non è importante perchè questo è puro cinema d'intrattenimento, spettacolare da ogni punto di vista, dove gli zombie (ammalati di rabbia) corrono rapidi come mai s'era visto, e si risveglia [...] Vai alla recensione »

lunedì 21 novembre 2011
Metalsoldier

Prima parte bella. Seconda parte patetica. Ricorda molto "Demoni". All'inizio degli animalisti liberano delle scimmie che sono infette da un virus della rabbia, solo che questo virus è una variante che si trasmette anche all'uomo (come si presume per l'aviara....). Di li succede un macello. La regia è ben condotta.

lunedì 12 aprile 2010
28 giorni dopo

fantastica la scena del sotto passaggio illuminante . Unico difetto gli zombi troppo veloci.

sabato 10 luglio 2010
shining

bellissimo!

martedì 30 marzo 2010
Frankl92

Un buon film che lascia momenti di originale suspance al suo pubblico. Il miglior film sui "morti viventi" o "Zombie"; molto meno stile video game ed action e molto più affascinante e cupo in una londra macabra e deserta. Danny Boyle capace di dare a questo horror un tono quasi drammaturgico. Ammirevole

martedì 8 settembre 2009
Slasher Master

Danny Boyle... Molti, me compreso, lo ricorderanno con piacere ripensando all'ormai mitico trainspotting, piccolo gioiello del cinema. Ma di sicuro non lo ricorderanno per questo film! Piatto, banale, inconcludente... Sembra una polpetta realizzata con tritati di vari film... Ormai appartiene a un genere in cui sono tutti uguali. Facciamo salvo Resident Evil (il primo) che l'ha consacrato; facciamo [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 ottobre 2010
the man of steel

...se questo è un horror! Ma siccome chiamarlo così sarebbe un insulto al genere horror allora diciamo che è il peggior film di zombie/infetti di sempre. Un finale alla Rambo e insensato culmina una pellicola ritmata da situazioni machiettistiche, momenti insignificanti, pessima regia e ancor peggiori effetti speciali. Unica scena segna di nota è l'infezione e immediata [...] Vai alla recensione »

mercoledì 27 gennaio 2010
Oiggamad

Era necessario dare spazio e soldi a una produzione che definire mediocre è un complimento? Era necessario resuscitare, ancora una volta, ancora una volta, ancora una volta gli zombie senza inventarsi nulla, assolutamente nulla di nuovo? Volete l'azione e il brivido? Ci sono migliaia di film da vedere che ve ne possono dare, dal 1930 ai giorni nostri.

Frasi
è passato più di un soffio
Una frase di Jim (Cillian Murphy)
dal film 28 giorni dopo - a cura di che
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Danny Boyle appartiene a quella categoria di registi per i quali "piccolo è bello". Ci aveva sorpresi con Piccoli omicidi tra amici e Trainspotting; delusi nella trasferta hollywoodiana, dirigendo superproduzioni per star (Di Caprio) come The Beach; ora torna a casa, a girare un film quasi umile (digitale, basso costo, nessun divo) ma che rischia di diventare un cult.

Emanuela Martini
Film TV

Londra compIetamente deserta e cosparsa di rifiuti, come in un incubo (o come all’alba di un primo gennaio, dopo i bagordi del 31 dicembre). Solo un poveraccio, un ragazzo che veste ancona i panni del ricovero ospedaliero, si aggira incredulo per i luoghi canonici della città; non sa che un’epidemia di rabbia ha annientato il Paese e cerca tracce dei suoi simili.

Claudio Masenza
Ciak

L'Apocalisse ripresa da una camera digitale. Sembra una boutade, ma il "gioco" estetico è tutto qua. E funziona. Una malattia contagiosa distrugge in un mese tutta la società inglese. O quasi. Pochi superstiti cercano scampo dalla furia zombesca degli infetti, fuggendo verso l'ignoto. Ma se l'inizio ci ricorda atmosfere alla Occhi bianchi sul Pianeta Terra, la seconda parte sfiora i feroci apologhi [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati