In amore niente regole

Film 2008 | Commedia +13 114 min.

Titolo originaleLeatherheads
Anno2008
GenereCommedia
ProduzioneUSA
Durata114 minuti
Regia diGeorge Clooney
AttoriGeorge Clooney, Renée Zellweger, John Krasinski, Jonathan Pryce, Stephen Root Malcolm Goodwin, Matt Bushell, Keith Loneker, Tommy Hinkley, Tim Griffin, Robert Baker, Nick Paonessa, Wayne Duvall, Nicholas Bourdages, Jason Drago, Bill Roberson.
Uscitavenerdì 11 aprile 2008
TagDa vedere 2008
DistribuzioneUniversal Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,08 su 77 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di George Clooney. Un film Da vedere 2008 con George Clooney, Renée Zellweger, John Krasinski, Jonathan Pryce, Stephen Root. Cast completo Titolo originale: Leatherheads. Genere Commedia - USA, 2008, durata 114 minuti. Uscita cinema venerdì 11 aprile 2008 distribuito da Universal Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,08 su 77 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi In amore niente regole tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Dodge Connolly, eroe sportivo affascinante e sicuro di sé, per risollevare le sorti della sua squadra, convince una star del football dei tempi del college a unirsi al suo gruppo. I due uomini però si innamoreranno della stessa donna. In Italia al Box Office In amore niente regole ha incassato 2,3 milioni di euro .

In amore niente regole è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,08/5
MYMOVIES 3,25
CRITICA 2,83
PUBBLICO 2,92
CONSIGLIATO SÌ
Clooney gira una sofisticata commedia sentimentale restando fedele alla sua battaglia per la libertà d'espressione.
Recensione di Marzia Gandolfi
Recensione di Marzia Gandolfi

South Carolina, 1925. Dodge Connolly è un esuberante giocatore di football americano e un'adorabile canaglia. Irriverente delle regole e sfrontato con l'avversario, Dodge è capitano dei Duluth Bulldogs, una squadra di avvinazzati attaccabrighe che perde in una sola partita sponsor e ingaggio. Dopo aver sciolto a malincuore il proprio team, il capitano Connolly convince un agente maneggione a rilanciarli sul campo, reclutando il giovane e aitante Carter Rutherford. Eroe di guerra per caso e fuoriclasse del football per inclinazione, il ragazzo aiuta Doodge ad educare la squadra e a riempire gli stadi. Se una folla persuasa accorre a celebrare il giocatore combattente, una giornalista del Chicago Tribune non sembra credere all'avventura eroica di Carter nelle trincee delle Argonne. Indagando finirà per innamorare l'esordiente e il veterano. Soltanto uno conquisterà il territorio, avanzando sulle linee delle yards e nel cuore della bionda Lexie Littleton.
Può sembrare incredibile ma è credibile che un regista racconti sempre la stessa storia, una storia importante che esalta i valori della democrazia americana, senza ignorare il pericolo sempre in agguato di una sua involuzione e di un suo ripiegamento. Ancora più sorprendente è se riesce a esprimere una riconoscibilità e una poetica operando dentro un sistema complesso come quello hollywoodiano. È il caso di George Clooney, l'attore-autore (anche) indipendente. C'è pertanto un modello autoriale, un sistema di segni, temi o motivi, che ricorre in due opere apparentemente lontane. Se al centro del popolare programma televisivo di Good Night, and Good Luck c'era la vicenda di un pilota della Marina, che avviava una lotta ideologica e dialettica tra un giornalista della Cbs e il senatore repubblicano Joseph McCarthy, è ancora un soldato a muovere le indagini di una cronista sportiva contro la limitazione della libertà di espressione.
Spostandosi indietro nel tempo, dagli anni Cinquanta agli anni Venti, e passando dal dramma in bianco e nero alla commedia sofisticata a colori, Clooney si pone nuovamente il problema della verità. L'America non si stanca di rimpiazzare la realtà con l'inganno fabbricando eroi come Carter Rutherford, atleta e soldato costretto a perpetuare il ricordo eroico di un gesto mai compiuto. Il percorso della retorica creato dai media è neutralizzato da una donna, la Lexie Littleton di Renée Zellweger, la buona coscienza dell'America e la "strega" cacciata dalla Cbs o dal Chicago Tribune.
In amore niente regole ha uno dei suoi punti di forza nella ricostruzione scenografica degli ambienti abitati dal (good) bad boy di Clooney e dalla (good) bad girl della Zellweger, abilissimi a sottolineare un desiderio che in quegli anni non veniva soddisfatto prima del matrimonio. Infine ma soprattutto c'è il football, prima delle regole, dei cachet illimitati e del primato commerciale su quello tecnico e sportivo. Il football visto come una guerra e i giocatori come soldati che combattono schierati di fronte a una linea di nemici da sfondare per guadagnare un centimetro in più di territorio, per arrivare "vivi" dall'altra parte del campo, scivolando sui corpi accatastati.
Clooney, dentro una fotografia seppiata e nostalgica, costruisce un perfetto meccanismo visivo e narrativo, che resta fedele all'ineluttabile battaglia per una causa sentita.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
IN AMORE NIENTE REGOLE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD

-
-
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Infinity
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 4 aprile 2011
Dano25

George Clooney dirige in maniera egregia una piacevolissima commedia su amore e sport in una Carolina del sud anni 20. Al centro della storia c'è Cartergrande Rutherford, eroe della grande guerra, idolo dell' America, ragazzo intraprendente, sicuro di sè ed ottimo giocatore di Rugby. Intorno a questa luminosa figura ruotano Dodge Connolly, attempato ed irascibile giocatore di rugby e la bella e spietata [...] Vai alla recensione »

lunedì 17 gennaio 2011
Emilio Zampieri

A In amore niente regole non si potrebbe chiedere di più. Interpreti perfettamente in parte e affiatati, ottima e credibilissima ricostruzione degli anni Venti americani, ritmo sostenuto, gag piacevolissime e mai volgari (o trite), e una storia inaspettatamente interessante. Anche perché ci racconta qualcosa, reale o meno reale che sia, su quel periodo: la nascita del football americano [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 luglio 2011
Francesca72

Film assurdo. Bellissima la ricostruzione anni 20 e la musica ma il resto non significa nulla. La Zellweger con la appiccicata sulla faccia una smorfia autocompiacente e saccente dall'inizio alla fine... Lui sempre col sopracciglio alzato da conquistador. Trama quasi inesistente. Il massimo è che ci sono risse e scazzottate in continuazione: sul campo, nei bar, tra i protagonisti e [...] Vai alla recensione »

martedì 24 marzo 2009
templar777

ho visto il film a l cinema dell duomo,il cinema apposto il film lento, clooney e molto bravo come attore ma come regista , meglio lasciare ad altri il lavoro

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Sapevamo che George Clooney si sente un po' il Clark Gable, un po' il Cary Grant dei giorni nostri; così come sapevamo che gli piacciono le storie (Good Night and Good Luck) ambientate nel passato americano. Con In amore niente regole (Leatherheads), è riuscito a realizzare una sintesi delle due cose, dirigendo e interpretando un film che è un atto d'amore dichiarato alle commedie romantiche hollywoodiane [...] Vai alla recensione »

A. O. Scott
The New York Times

In the good old days, around 1925, according to “Leatherheads,” professional football was a lot more fun, a rough, ragged enterprise, untrammeled by corporate influence and unconstrained by rules and regulations. And in the slightly more recent old days — the ’30s and ’40s, more or less — movies were also more fun. They had zip, pep, moxie, trains, hats and double-entendres.

Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Lui capitano di squadra in giacca di pelle usurata, lei giornalista che vuole smontare il successo di un eroe nazionale. Tra campi da rugby fangosi, bische antiproibizioniste a Chicago, cappellini da signorina con la penna di fagiano e battute alla piastra stile Mae West (poche per la verità), Clooney&Zellweger giocano a rifare il cinema (americano) dei nonni, attualizzando con misura la commedia brillante, [...] Vai alla recensione »

Cristina Borsatti
Film TV

Un destino già scritto quello di George Timothy Clooney, che a cinque anni appare per la prima volta in Tv nel talk-show condotto dal padre. E che intanto sogna una palla scagliata fuori dal diamante e un pubblico concitato e in delirio. Allora l'unica cosa che aveva in testa era il baseball. Misteriosamente diventato In amore niente regole, il suo terzo film da regista è una sorta di riscatto personale, [...] Vai alla recensione »

Federico Raponi
Liberazione

Il giornalista sportivo Duncan Brantley, facendo ricerche su un campione delle origini del football professionistico statunitense (anni 20), rimase affascinato dal personaggio, che militava in un college ma anche - sotto falso nome - in una squadra del campionato nazionale. Brantley nel romanzarne una storia ha chiesto aiuto al collega Rick Reilly, e agli inizi degli anni 90 i due ne hanno proposto [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
DNews

George Clooney, impossibile non amarlo. Al successo ci è arrivato tardi, aveva già quegli adorabili ciuffi bianchi, e sa che la vita da star è un ottimo modo: a) di vivere alla grande, b) di fare del bene in giro per il mondo, c) per fare quello che vuoi. Niente regole, e questo è il massimo. Questa commedia anni '30 in cui lui è un rugbista professionista, tutto furbizie e scazzottate - fuori e dentro [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Stati Uniti, anni '20. Il carismatico giocatore di football Dodge Connolly (George Clooney) cerca soldi e sponsor. Arriveranno quando recluterà Carter Rutherford (John Krasinski), ex eroe di guerra e giovane talento della palla ovale. Peccato che fra i due si metta di mezzo la giornalista lingualunga Lexie Littleton (Renée Zellweger), di cui entrambi si innamorano.

Emilia Carpineta
L'Espresso

Un allenatore ambizioso. Una giornalista sexy. Un bomber bugiardo. Con "Leatherheads" George torna alla regia. E si candida a nuovo Cary Grant Dopo la televisione trash di "Confessioni di una mente pericolosa" e quella impegnata di "Good Night and Good Luck", per la sua ter za fatica da regista George Clooney cambia argomento. E se i primi due film sono diventati di culto in Europa, per il terzo [...] Vai alla recensione »

Mattia Nicoletti
Metro

Per schivare l'etichetta di regista-attore impegnato, l'ultima opera del bel George è un ritorno alla commedia hollywoodiana, rivista e attualizzata. C'è il football, il campo di battaglia, e poi la posizione della donna (ottima qui Renée Zellweger), un certo americanismo e l'ironico sottostare alle leggi del business. Vero, un tempo le commedie erano solo commedie, oggi le cose sono cambiate, è necessario [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

A George Clooney piace girare (o far girare) suoi film alla maniera di qualcun altro che stima molto: è successo con lavori che replicavano o imitavano opere di Tarkovskij, Monicelli, Pakula, Aldrich... Con In amore niente regole ci prova alla maniera di Hawks. Il brutto titolo rimpiazza l'originale, Leatherheads («Teste di cuoio»), che allude al casco dei giocatori di football americano negli anni [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

La forma è il vero contenuto del cinema americano (almeno di quello classico). Rievocando il «mondo a parte» della commedia sofisticata anni Trenta, George Clooney organizza, infatti, per il piacere dello spettatore un trip cinéfilo che mette i personaggi, i loro impulsi e la loro realtà in un tono e una luce giocosi, trasparenti, allusivi e quasi astratti.

Claudio Masenza
Ciak

Dopo essere stato spesso paragonato ai divi del passato, primo fra tutti Cary Grant, Clooney si confronta direttamente con l'epoca d'oro della commedia americana, dirigendo (e interpretando) il suo primo film spensierato. Dopo due riuscite analisi del rapporto fra i media e la politica (Confessioni di una mente pericolosa e Good Night, and Good Luck.

Carina Chocano
The Los Angeles Times

Given the contemporary imperative to put movies into boxes neatly sorted by function, it's hard to know what to make of "Leatherheads," a light, charming, well-executed pastiche of a 1930s screwball comedy that alternates between witty repartee and (less successfully) broad slapstick. Written 17 years ago by sportswriters Duncan Brantley and Rick Reilly and passed around like a football since, the [...] Vai alla recensione »

Michael Cieply
The New York Times

“Leatherheads,” which was shot in the Carolinas, is about to get a hometown premiere, even if the hundreds of local people who worked as extras and bit players on this football comedy, set for release by Universal Pictures on April 4, have to do it themselves. Which, in fact, they do. The red carpet, all 75 feet of it, comes from the Bonitz Flooring Group on the east side of Greenville, S.

Peter Travers
Rolling Stone

He belongs to two churches — film and football — and George Clooney worships at both in Leatherheads, a scrappy debate on the rules we live by disguised as a screwball comedy. In his third shot at directing, following two savvy meditations on media and politics (Confessions of a Dangerous Mind and Good Night, and Good Luck), Clooney throws us a rowdy party of a movie.

Alessio Guzzano
City

C'era un volta il football americano (1925). Accozzaglia di briosi energumeni sottratti a miniere, campagne, ring sfondati e palestre di college, che si fronteggiavano senza regole (né pubblico). Hobby fangoso che stentava a farsi sport. Gli sponsor se la davano presto a gambe, i patron costringevano i giocatori a farsi la doccia in divisa e a farla asciugare dal finestrino del treno.

Roberto Silvestri
Il Manifesto

George Clooney torna a dirigere per la terza volta, dopo Confessioni di una mente pericolosa e Good Night, Good Luck. Il titolo originale Leatherheads (teste di cuoio) ha lasciato il posto a un più ammiccante In amore niente regole, giusto per spostare un po' l'attenzione del pubblico dal football alla relazione tra George e la coprotagonista Renée Zellweger.

Walter Vescovi
Il Secolo d’Italia

Se George Clooney attore, pur avendo una sua immagine definita, si presta alle più svariate interpretazioni, George Clooney regista ha seguito fin dagli esordi un percorso molto particolare, che si potrebbe definire filologico. Il suo grande amore per il cinema americano classico e per quello europeo sperimentale si è tradotto in uno studio meticoloso e una ricerca semantica che, attraverso il recupero [...] Vai alla recensione »

Arianna Finos
Il Venerdì di Repubblica

Salve, sono George». Non è uno da segretarie, Clooney. Chiama dalla villa a Malibù ed è pure puntuale: le 19 e un minuto. Ha la voce rilassata da divano di casa: a Los Angeles, sono le dieci di mattina. Si sente che ha voglia di chiacchierare. Del nuovo film che ha scritto, diretto e interpretato, In amore niente regole. Ma anche di massimi sistemi.

Lietta Tornabuoni
La Stampa

George Clooney, asciutto e scattante a 46 anni, dirige e interpreta una commedia d'amore, di sport e d'epoca ideata molto bene. Non sono soltanto i costumi o le automobili a caratterizzare il 1925 in cui il film è collocato, ma abitudini, oggetti, stili di recitazione, immagini: il pianista da bar, il violento che rompe una bottiglia in testa all'avversario, i treni che s'allontanano nel crepuscolo, [...] Vai alla recensione »

NEWS
RUBRICHE
venerdì 11 aprile 2008
Chiara Renda

In azione niente regole Grandi emozioni questo fine settimana, e per tutti gusti: dalla commedia romantica al documentario musicale, dal fantasy al mystery fino al mockumentary, le uscite del weekend promettono di soddisfare le variegate esigenze degli [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati