Milk

Film 2008 | Biografico 128 min.

Regia di Gus Van Sant. Un film Da vedere 2008 con Sean Penn, Emile Hirsch, Josh Brolin, Diego Luna, James Franco, Alison Pill. Cast completo Titolo originale: Milk. Genere Biografico - USA, 2008, durata 128 minuti. Uscita cinema venerdì 23 gennaio 2009 distribuito da Bim Distribuzione. - MYmonetro 3,68 su 131 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Milk tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La vera storia di Harvey Milk, primo gay dichiarato ad aver raggiunto una carica pubblica negli Stati Uniti. Il film ha ottenuto 8 candidature e vinto 2 Premi Oscar, 1 candidatura ai Nastri d'Argento, 1 candidatura a Golden Globes, 1 candidatura a Cesar, In Italia al Box Office Milk ha incassato 2,5 milioni di euro .

Milk è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
3,68/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,89
PUBBLICO 3,62
CONSIGLIATO SÌ
Scoprendo Milk, Gus Van Sant dà voce al corpo giovane dell'America, emancipandolo da una mala noche e da un malfamato skate park.
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 19 gennaio 2009
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 19 gennaio 2009

Harvey Milk è omosessuale, è laureato in matematica e lavora presso una Società di Investimenti a Wall Street. A un soffio dagli anni Settanta e dal suo quarantesimo compleanno, Harvey incontra e ama (per sempre) Scott Smith. Trasferitisi a San Francisco con un sogno di amore e di emancipazione, Harvey e Scott aprono un negozio di fotografia nel quartiere Castro. Davanti e dentro il Castro Camera si raccoglierà presto un gruppo di giovani attivisti omosessuali, emarginati (dalla società) e diseredati (dalle famiglie) alla ricerca di un sogno promesso e dei loro diritto contro la campagna di intolleranza avviata dagli ultraconservatori. Sostenuto dai suoi guys e da eterosessuali illuminati, Harvey si candida alla carica di consigliere comunale per una, due e tre volte. La sua terza campagna gli regala l'agognato incarico. Promotore della storica ordinanza sui diritti dei gay e trionfatore sulla Proposition 6, che voleva bandire gli omosessuali dall'insegnamento nelle scuole pubbliche della California, Milk verrà assassinato dal livore e dalla frustrazione di un ex consigliere. Trentamila persone marceranno da Castro al Municipio in una veglia pacifica che dal Settantotto alimenta e sostiene il sogno di Harvey.
Arrivano da una mala noche, dai drugstore rapinati, da uno squat gotico di Portland o da un malfamato skate park, i guys di Gus van Sant, raccolti e accolti nella Castro Camera di Harvey Milk, centro sociale e umano prima che redditizia attività commerciale. Sono i belli e dannati stroncati dalla morte sulle strade lontane da casa della sua filmografia ma sono pure i cowboy fragili e consapevoli del Wyoming di E. Anne Proulx o i mysterious boys di Gregg Araki, giovani vite in irrevocabile rottura con l'universo familiare e rassegnati alla forza di un destino già marcato. Disorientati e alla deriva, "mai pronti per Paranoid Park" e per le rampe e i dossi della vita, i nati perdenti di Van Sant si trasferiscono a San Francisco, dove questa volta diventano adulti e maturi sfidando i "grandi". Quelli che nei film del regista americano ci sono senza esserci. Genitori divorziati, istruttori, insegnanti, poliziotti, presenze sfocate che si offrono di spalle, incapaci di ascoltare e di intendere, di esprimere e di comunicare. Il corpo giovane dell'America, inghiottito dalla noncuranza degli "educatori", incontra Harvey Milk, politico e attivista negli anni Settanta, adolescente sensibile e in fuga da un quotidiano ottusamente crudele negli anni Quaranta. Harvey ha vissuto in una clandestinità "volontaria" la sua omosessualità, fino a quando non ha incontrato Scott e poi Clive e poi Jack, Dick, Jim, Danny. Folgorato da persone che versano in condizione di svantaggio (l'omosessualità, ma anche l'etnia, l'origine ambientale, il colore della pelle), le spinge a uscire dalla marginalità cui sembrano obbligate e a lottare per i loro diritti.
Milk affronta l'età adulta del cinema di Van Sant, anticipata da Will Hunting e Scoprendo Forrester. Un dittico, che nonostante l'evidente riduzione dello spessore poetico dell'autore e il linguaggio mainstream con il quale allestisce la rappresentazione, mantiene ugualmente le caratteristiche peculiari della sua scrittura. Come lo psicologo di Robin Williams e lo scrittore di Sean Connery, Harvey Milk è l'adulto che interviene a mediare l'integrazione di eroi socialmente deboli, trovando in quell'esperienza il coraggio di affrontarsi e affrontare i propri fantasmi. L'elezione a supervisor di Milk è il riconoscimento sociale del loro padre di adozione, "doppio" e "simile" che ricopriva nella società un ruolo marginale. Sean Penn e James Franco, coppia poetica che rievoca quella "da marciapiede" di River Phoenix e Keanu Reeves, interpretano la libertà morale delle immagini di Van Sant, indossando cravatta e norme sociali, e vivendo la loro storia "in legittimità". Rinunciando al disordine mentale e al mondo capovolto abitato dai suoi adolescenti, alla singolarità del suo sguardo e a porsi in netta contraddizione con l'industria cinematografica e la società intera, il regista affronta un tema strettamente personale in un film dal sapore convenzionale e raffinato. Scartando ogni scivolamento nel pruriginoso per farsi ascoltare e frequentando un cinema ampiamente battuto per farsi vedere, Milk riconosce ai cowboy e alle cowgirls il diritto di esistenza e di replica.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
MILK
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99 €6,90
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 3 gennaio 2010
Tina Galante Tisbe

Di recente ho visto Milk, un film con Sean Penn che racconta molte cose: la storia di un uomo, i sogni e le speranze di un periodo storico, l’evoluzione dei diritti umani. Questi tre aspetti, miscelati sapientemente, ne fanno un piccolo capolavoro da conservare nella propria cineteca. Non starò a raccontare la trama del film, mirabilmente riportata su Wikipedia, potendo difficilmente fare di meglio, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 giugno 2009
dario carta

"Milk" ripercorre la storia degli ultimi otto anni della vita di Harvey Bernard Milk,primo consigliere americano deliberatamente omosessuale ed araldo di una battaglia che portò avanti con caparbietà e fierezza al punto di arrivare a coprire una importante carica politica in un'America che non accettava compromessi con realtà in quegli anni fuori dall'ordine costituito.

domenica 25 luglio 2010
Luca Scialo

Harvey Milk è un omosessuale, laureato in matematica e agente presso una Società di investimenti di Wall Street. Convive con Scott, e insieme sognano di vivere senza doversi nascondere, in una società che li apprezzi e li riconosca per quelli che sono realmente. Così si trasferiscono a San Francisco, dove mettono su un negozio di fotografia a cui danno il nome del quartiere [...] Vai alla recensione »

martedì 16 ottobre 2012
Maximilione

"Milk" inizia dalla fine. Gus Van Sant scioglie sin dai primi fotogrammi la più comune e cinematografica tentazione alla suspense, annulla l’effetto sorpresa e, affidandosi a stralci di telegiornale dell’epoca Carter, spiazza di colpo lo spettatore predicendo la tragedia del suo protagonista, prima ancora che egli possa conoscerlo.

martedì 18 ottobre 2016
Sir Branco

Non solo un film lgbt, non solo un film biografico ma una celebrazione degli attimi. Io sono vittima facile quando si parla di film e documentari riguardanti i diritti civili. Alla fin fine secondo me c'è solo una regola che bisogna rispettare: dare dignità agli attivisti senza idolatrarli, semplicemente raccontarli come uomini.

venerdì 10 giugno 2016
IuriV

Biopic incentrato sulla figura di Harvey Milk, il consigliere comunale di San Francisco e attivista per i diritti gay, che con le sue battaglie è stato in grado di ottenere notevoli risultati in un periodo non facile per la comunità LGBT. Trattandosi di un racconto biografico, il lungometraggio di Van Sant non riesce ad evitare uno dei problemi più frequenti per il genere: il protagonista è disegnato [...] Vai alla recensione »

martedì 14 aprile 2009
/bizzarrevisioni.iobloggo.com

Ascesa e tragica fine di Harvey Milk, storico leader del movimento gay nella San Francisco degli anni settanta. Gus Van Sant lascia in secondo piano il mondo adolescenziale che aveva contraddistinto tutte le sue precedenti opere (Elephant, Paranoid Park) per concentrarsi su un uomo che, non senza ostracismi, in pochi anni diventò il primo candidato dichiaratamente omosessuale a ricoprire una carica [...] Vai alla recensione »

lunedì 23 marzo 2009
gabriella

Le immagini di repertorio mescolate alla finzione cinematografica, i cortei, i pestaggi della polizia, danno il senso del clima di confusione e di paura che esisteva negli Stati Uniti negli anni 70. Harvey Milk è un attivista gay, che dopo molti tentativi falliti, riesce ad accedere a una carica pubblica e vi si dedica con totale dedizione nella difesa dei diritti civili, secondo i quali, tutte le [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 aprile 2011
greg2

 Recitato in maniera magistrale da Sean Penn e tratto da una storia vera, Milk è un film profondo e toccante. Ne consiglio davvero la visione a tutti

mercoledì 3 febbraio 2010
Fabrizio Cirnigliaro

Il film è la cronaca di una morte annunciata, infatti si apre con le immagini di repertorio che testimonio la “persecuzione” della polizia nei confronti degli omosessuali, seguito da un servizio con cui una giornalista da la notizia della morte del consigliere di San Francisco. Grazie all’interpretazione di Harvey Mik, Sean Penn ha vinto il suo secondo Oscar, e con un Oscar [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 novembre 2011
juliennejuju

questo film mi è stato consigliato dal mio migliore amico,avevo delle aspettative,e non mi ha affatto deluso,anzi è di gran lunga migliore delle aspettative che mi ero fatta!Lungo si,ma mai lento,appassionante,attori bravissimi,bella sceneggiatura....ottimi Sean Penn e James Franco...veramente un film stupendo,lo consiglio a tutti!!!

sabato 12 febbraio 2011
ValentinaMì

Van Sant ci regala questo ottimo film interpretato magnificamente. Sean Penn veste con nonchalance un ruolo invece  storicamente difficile. Harvey Milk è storia. Rimpiangiamo uomini riusciti a cambiare secoli di umiliazioni e ingiustizie nei confronti dell'essere umano in quanto tale.

sabato 4 febbraio 2012
Lalli

" Se un proiettile dovesse entrarmi nel cervello, lasciate che distrugga tutte le porte chiuse " x non dimenticare questo uomo coraggioso e tutte quelle persone che si battono x i diritti di chi,nel 2012, è ancora considerato diverso o peggio malato (!!!)...assurdo tutto ciò ...vergogna!!! e l'Italia è la prima a doversi vergognare!!! DIRITTI UGUALI X TUTTI!!! [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 aprile 2009
esaminatore

Un film capolavoro, ma mai come altre volte qui il lavoro principale non lo fa la regia ma un immenso Sean Penn, da lasciare senza fiato. quando l'america e il mondo avevano ancora dei valori da dimostrare qualunque essi siano.

mercoledì 17 giugno 2009
paride86

Storia di Harvey Milk, primo consigliere dichiaratamente omosessuale nell'America degli anni '70. C'è un po' di tutto in questo film, dal tessuto sociale ai compromessi della politica; nonostante l'aspetto un po' patinato credo che sia un ottimo biopic. Sean Penn ha vinto un Oscar meritato.

sabato 21 dicembre 2013
Fexy96

Signori, per quanto mi riguarda siamo davanti ad un capolavoro della storia del cinema, al quale si aggiunge un grande impegno nel sociale. Ce ne fossero di film così! Stra-meritati i due Oscar, soprattutto quello a Dustin Lance Black. Semplicemente uno dei miei film preferiti. Se non l'avete ancora visto, beh che aspettate, ne rimarrete folgorati.

lunedì 27 agosto 2012
tiamaster

La prima cosa che colpisce di "Milk",una delle tante perle di Van Sant, è sicuramente la straordinaria,sorprendente interpretazione di Sean Penn,vincitore di uno strameritato Oscar.Il film ricostruisce in modo quasi perfetto la San Francisco anni 60',non solo dal punto di vista sociale,ma la rende anche vivida e reale grazie ad ottime scenografie e buoni costumi.

giovedì 20 maggio 2010
riccardo-87

“Milk” è uno di quei film che tenta – invano a quanto si può costatare quotidianamente – di parlare allo spettatore tramite il “bon sens”, ovvero di dissipare pregiudizi falsi e assurdi presenti nell’immaginario comune verso determinate “classi” di esseri viventi – il nazismo è stato l’emblema della morte del “bon sens” con le sue persecuzioni di ebrei, omosessuali e nomadi.

domenica 21 febbraio 2010
egle1967

Film "hollywoodiano" diretto da Gus Van Sant (" The last days","Elephant", "Paranoid Park",..) biografia di Harvey Milk, attivista gay degli anni '70 a San Francisco. Film emotivamente ricattatore: pone allo spettatore la questione che viene recepita come "Siete contro i gay, le minoranze?", facendo distrarre dalla costruzione e dalla efficacia del film lo spettatore.

domenica 13 settembre 2009
Caterpillar

Grande Sean Penn. Ha saputo trattare con singolare sensibilità un tema attuale e delicato e non è mai scivolato nella volgarità di espressione e di immagine. Alla fine della visione mi sento migliore; forse sarebbe auspicabile la proiezione del film in ambienti giovanili, scuole comprese, e non solo, per contrastare il clima di intolleranza che sembra rafforzarsi giorno dopo giorno anche da noi, [...] Vai alla recensione »

martedì 7 aprile 2015
Denzelbani

Un magnifico film diretto da Gus Van Saant, che dopo avermi stupito con Will Hunting e inorridito con Belli e Dannati (li avevo visti lo stesso giorno), ritorna con questo splendido film in cui un magistrale Sean Penn accompagnato dal sempre più malvagio Josh Brolin, che potremmo considerare un capolavoro appunto nel suo ambito

martedì 7 aprile 2015
Denzelbani

Un magnifico film diretto da Gus Van Saant, che dopo avermi stupito con Will Hunting e inorridito con Belli e Dannati (li avevo visti lo stesso giorno), ritorna con questo splendido film in cui un magistrale Sean Penn accompagnato dal sempre più malvagio Josh Brolin, che potremmo considerare un capolavoro appunto nel suo ambito

giovedì 3 gennaio 2013
Marzaghetti

Vi dò due buoni motivi per guardare questo film, e altri due per non farlo... A favore: A) uno Sean Penn clamoroso, intenso e meravigliosamente femminile, e B) una storia bella e (purtroppo) vera di intolleranza, emancipazione, rabbia, amore e disperazione negli Stati Uniti di non troppo tempo fa. Di contro: C) due ore a questo ritmo sono una barba e D) baci, abbracci, e languide carezze gay [...] Vai alla recensione »

domenica 17 gennaio 2010
tommynini

splendido film con un sean penn magistrale.e' diventato uno degli attori piu' rappresentativi del nostro secolo.il film a torto viene scambiato dalla critica per omosessualita' latente .in realta' e' una grande metafora sul diverso e sull'integrazione nella nostra societa'..come in filadelfia l'interprete incarna l'avvicinarsi al potere delle minoranze.

venerdì 31 luglio 2009
yumi91

Harvey Milk, un omosessuale che lavorava presso una società d'investimenti. La notte prima di compiere 40 anni incontrò l'uomo che gli cambiò la vita e che amò per sempre: Scott Smith. Con lui ci trasferì a Castro, un quartiere di San Francisco, dove aprirono un negozio di fotografia. Ben presto questo divenne un centro di raccolta per omosessuali e pian piano tutto il quartiere divenne di loro dominio. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 20 maggio 2009
Francesco2

A parte che come ho già scritto non condivido le critiche per lo stile documentaristico di Van Sant, nessuna recensione tra quelle che ho letto rileva i paradossi del film.A cominciare dal personaggio che ucciderà il protagonista, figura lasciata in sospeso, proseguendo con il protagonista stesso, che scende a compromessi con il futuro assassino e ricorre a quella trovata della cacca dei cani,a parte [...] Vai alla recensione »

domenica 29 marzo 2009
maurii75

.

domenica 4 ottobre 2009
dian71cinema

SI QUESTO FILM CONVINCE PER LA STORICITA' DEI FATTI NARRATI E BEN AMBIENTATI NONOSTANTE SIA REALIZZATO SU FATTI AVVENUTI CIRCA 40 ANNI FA. INQUADRATURE EFFICACI E NATURALMENTE DA SOTTOLINEARE UNA OTTIMA INTERPRETAZIONE DI UN SORPRENDENTE SEAN PENN. TEMA SCOTTANTE QUELLO DELL'OMOSESSUALITA' CHE SPESSO DA ARGOMENTO SCOMODO DI CUI PARLARNE SOTTOVOCE VIENE IN QUESTO FILM MANIFESTATO IN TUTTA LA SUA TRASPARENZA. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 29 aprile 2009
paolorol

Non so se ho diritto a giudicare questo film, perchè l'ho visto resistendo stoicamente sino alla fine, è vero, ma l'ho anche dormito per un buon 25-30%. Al di là dell'innegabile valore sociale bla bla bla...è di una pallosità pressochè insostenibile. Un film orizzontale, senza colpi di scena, una poco coinvolgente cronaca narrata da Gus Van Sant col distacco che caratterizza spesso il suo stile narrativo. [...] Vai alla recensione »

venerdì 17 luglio 2009
donato 1964

Film drammatico ben interpretato da Sean Penn ed altri attori gia' noti.Il film narra la storia realmente accaduta di chi si e' battuto per i diritti degli omosessuali nel 1970 fino 1978 anno in cui venne ucciso.Nel complesso buon film magari adatto agli omosessuali.Voto 7

lunedì 20 dicembre 2010
Lady Libro

Questo film mi ha sinceramente delusa... Io mi aspettavo molto di più, ed invece è stato una noia mortale, prolisso, ripetitivo e non mi ha suscitato nulla.... Il 90 per cento del film è praticamente costituito da scene di sesso e di smancerie.... In compenso, però, ho ammirato moltissimo il modo in cui Sean Penn ha recitato, e lo considero un bravissimo attore.

martedì 14 dicembre 2010
Suode

Forse gli attori nn sono proprio così inespressivi....solo che il film è vuoto, lento e lento....e parla solo di politica.... Il mondo gay viene preso in considerazione solo per quanto riguarda la controparte Cristiana.... (cambiamo gay-cristiani con neri-razzisti ed avremo lo stesso risultato... Rimane cmq un buon film...poteva andare meglio xò..

FOCUS
INCONTRI
martedì 20 gennaio 2009
Marzia Gandolfi

I have a dream Dopo i last days di Kurt Cobain e la strage alla Columbine High School, Gus Van Sant gira la cronaca di un'altra morte annunciata e dichiarata subito. Da lì parte, tornando indietro, la storia di Harvey Milk, attivista del movimento dei diritti dei gay e primo omosessuale eletto a una carica istituzionale nella San Francisco degli anni Settanta. Il suo cinema, radicato nella cultura della provincia, si trasferisce nel Castro District e accoglie generoso una parata di guys emarginati dalla società o autoemarginati per ribellione o sofferenza affettiva.

Frasi
Se una pallottola dovesse entrarmi nel cervello, possa questa infrangere le porte di repressione dietro le quali si nascondono i gay nel Paese.
Una frase di Harvey Milk (Sean Penn)
dal film Milk - a cura di Mario
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Tra i migliori registi in attività oggi, Gus Van Sant alterna film decisamente indipendenti con produzioni mainstream, più tradizionali e interpretate da star. Quel che è certo, è che non fa mai cose banali. Come in questo Milk, biografia dell' attivista gay "nominata" all' Oscar (e prima ai Golden Globes), sia come miglior film sia per l' interpretazione (davvero notevole) di Sean Penn.

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Sean Penn, che ha adesso 48 anni, diventa sempre più bravo, coraggioso e maturo, come attore e regista, come persona: davvero per questo Milk di Gus Van Sant dovrebbero premiare con l'Oscar una sua interpretazione eccellente. Milk è Harvey Milk, primo gay americano ad avere un incarico pubblico notevole a San Francisco, popolarissimo attivista del movimento per i diritti degli omosessuali, ammazzato [...] Vai alla recensione »

Giulia D'Agnolo Vallan
Il Manifesto

Arrivato nelle sale americane a novembre, alla vigilia del Ringraziamento, e nel mezzo delle quasi-rivolte che in California hanno accolto il passaggio della proposizione 8, che ha reso illegali i matrimoni gay, Milk è la cronaca di una morte annunciata - come Elephant, Last Days, Paranoid Park e Gerry. Però, rispetto alla narrativa sparsa, alla spazialità destabilizzante e al lirismo contemplativo [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Un ritratto insolito quanto straordinario, dominato da un Sean Penn oltre ogni elogio. L'impagabile spaccato di un'epoca, rievocata dal punto di vista eccentrico e rivelatore di una minoranza. Una testimonianza commovente e insieme fuori dagli schemi che vale anche come monito per la difesa di tutte le minoranze e dei loro diritti. Oggi come ieri. Otto nominations non sono troppe: il Milk di Gus Van [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Liberazione

Già vedere il gay pride del 25 giugno del 1978 a San Francisco, con Penn-Milk in maglietta e sorridente, e poi quel discorso prima del quale riceve una minaccia scritta, vale il prezzo del biglietto. «Sono Harvey Milk e voglio reclutarvi tutti!» ha il sapore del sogno di Martin Luther King, e Milk di Gus Van Sant lo sa e vuole restituirci la vita e l'impatto politico di un eroe civile dimenticato. Vai alla recensione »

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Il film di Van Sant racconta la storia di Milk, primo gay dichiarato eletto a una carica politica in Usa. Come nasce la paura del diverso. Non ha ancora combinato niente di importante, Harvey Milk (un grande Sean Penn). Lo dice lui stesso, in Milk (Usa, 2008, 128'). È il 1970, e il futuro leader dei gay di San Francisco – e primo gay dichiarato eletto a una carica politica negli Usa – è tra le braccia [...] Vai alla recensione »

Dennis Lim
The New York Times

IT is only fitting that the extraordinary political year would give way to the season of the political biopic. With terse titles that grandly promise the last word on their subject, Gus Van Sant’s “Milk,”Oliver Stone’s “W.” and Steven Soderbergh’s “Che” all deal with once- (or still-) incendiary political figures. While the films bear a strong directorial point of view, the directors also worked [...] Vai alla recensione »

Diego Carmignani
Il Mucchio

Morte, emarginazione, omosessualità. Il Gus Van Sant di sempre, a lavoro nel suo dolente orticello, ma con un appropriato respiro epico in aggiunta. Era il 1978 e il carismatico Harvey Milk diventava il primo omosessuale dichiarato a coprire un incarico istituzionale negli Stati Uniti, venendo eletto consigliere nella giunta di San Francisco, capitale dell'orgoglio gay e invitante Spoon River da cui [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
Lo Specchio

Con Milk, storia di un militante gay adesso sugli schermi, si rafforza il filone dei film con protagonisti omosessuali né comici né grotteschi né disperati. Un traguardo felice raggiunto dopo molte difficoltà. Come dimostrano le pellicole precedenti. Vedendo Milk di Gus Van Sant, il film sugli ultimi otto anni di vita di Harvey Milk, primo gay americano a venir eletto a un importante incarico pubblico [...] Vai alla recensione »

Peter Travers
Rolling Stone

Maybe you don't know a damn thing about gay activist Harvey Milk. Maybe you ought to know that President-elect Barack Obama isn't the only community organizer who went on to make a difference. Maybe thoughtful filmmaking, no matter how incendiary and intimate, isn't worth squat at an infantilized multiplex. Stop me now. There's really no maybe about Milk, directed with a poet's eye by Gus Van Sant [...] Vai alla recensione »

Thomas Sotinel
Le Monde

"Harvey Milk": icône gay révélée par Sean Penn On peut appeler ça de la comédie ou de l'art dramatique, ou alors un miracle - ce moment où un acteur disparaît à l'intérieur de son personnage. Dès les premières séquences d'Harvey Milk, Sean Penn (éternel mauvais garçon, l'une des dernières gueules d'Hollywood) s'évanouit et se réincarne en Harvey Milk, personnage historique, martyr de la cause gay [...] Vai alla recensione »

Kenneth Turan
The Los Angeles Times

It was partly an accident of history that made Harvey Milk the first openly gay man elected to major public office in this country, so it's fitting that yet another accident of history has made "Milk," the earnest biopic about the man, more involving than it would otherwise be. Milk was elected to San Francisco's Board of Supervisors in 1977 -- after several unsuccessful attempts -- because he had [...] Vai alla recensione »

A. O. Scott
The New York Times

One of the first scenes in “Milk” is of a pick-up in a New York subway station. It's 1970, and an insurance executive in a suit and tie catches sight of a beautiful, scruffy younger man — the phrase “angel-headed hipster” comes to mind — and banters with him on the stairs. The mood of the moment, which ends up with the two men eating birthday cake in bed, is casual and sexy, and its flirtatious playfulness [...] Vai alla recensione »

A. O. Scott
The New York Times

IT’S June 7, 1977, nighttime in the Castro district of San Francisco. Televisions are on everywhere. The news is bad. A crowd is gathering in the street. A telephone rings. So much is happening in the life of Harvey Milk — and in “Milk,”Gus Van Sant’s movie about that life — that you wonder how Harvey (portrayed by Sean Penn) can keep track of it all.

Maurizio Cabona
Il Giornale

Film sul potere, più che sulla gayezza, Milk di Gus Van Sant va visto dagli immemori che democrazia è partecipazione: negli anni '70, fu casa per casa, non tv per tv, che Haryey Milk gettò le basi della seconda lobby mondiale politico-economica-ideologica. Alfiere della gayezza orgogliosa, Milk restituì un senso a una vita semi-fallimentare proprio con la politica.

NEWS
NEWS
martedì 25 agosto 2009
 

A decretare il vincitore sarà il pubblico Il TrailersFilmFest, unico festival in Italia ed in Europa che premia i migliori trailer e le loro case di distribuzione, inaugura il concorso che vedrà in gara 30 trailer italiani, europei e world selezionati [...]

NEWS
mercoledì 17 giugno 2009
Marlen Vazzoler

L'attore Sean Penn ha informato la Universal e l'Imagine che non potrà partecipare al film drammatico Cartel diretto da Asger Leth. Lo studio sta vedendo al momento una lista di possibili sostituti per rimpiazzare Penn e poter cominciare le riprese verso [...]

GALLERY
venerdì 20 febbraio 2009
 

Domenica 22 febbraio Nel nostro excursus pre-Oscar non possono mancare i veri protagonisti della kermesse: gli attori. In attesa dei vincitori ecco una gallery degli attori in lizza per il titolo di Migliore Attore.

NEWS
mercoledì 18 febbraio 2009
 

Domenica 22 febbraio Ci siamo quasi: la prestigiosa serata degli Oscar è alle porte e la tensione per i candidati sale. In questa fase di speranze e curiosità, ancora scevra dell'amara disillusione dei non vincitori, vogliamo preparaci anche noi con [...]

NEWS
venerdì 23 gennaio 2009
Lisa Meacci

Vacanze annullate e viaggi di "lavoro" Tra le discussioni, più o meno accese, sulle candidature agli Oscar del 2009, inizia il nostro fine settimana nelle sale. Partiamo da qualcosa di leggero, tanto per addolcire gli animi impegnati nei dibattiti: arriva [...]

CELEBRITIES
giovedì 22 gennaio 2009
Marianna Cappi

Pittore, fotografo, musicista, scrittore... e regista Tra i nomi indiscutibilmente più affascinanti del panorama contemporaneo, Gus Van Sant sfugge a qualsiasi assimilazione, per stile e per percorso.

CELEBRITIES
martedì 20 gennaio 2009
Stefano Cocci

Dalla casa nella prateria al cinema impegnato Non è semplice "latte" come la traduzione dall'inglese all'italiano suggerisce. Milk, il film di Gus Van Sant, potrebbe essere considerato il coronamento dell'impegno sociale e politico del suo regista [...]

NEWS
mercoledì 31 dicembre 2008
Chiara Renda

L'epica di Australia e Appaloosa A gennaio inoltrato si ricomincia a pieno ritmo con alcuni dei titoli più attesi di tutta la stagione, e dei quali si parla ormai da mesi: blockbuster come Australia, il ritorno di Baz Luhrmann, Appaloosa e Viaggio al [...]

NEWS
giovedì 4 dicembre 2008
Stefano Lo Verme

I migliori attori Dopo le previsioni dedicate a film, registi e sceneggiature, ecco adesso anche una serie di nuovi pronostici sugli attori e le attrici considerati come possibili candidati per la prossima edizione degli Oscar, sia nelle categorie dedicate [...]

winner
miglior attore
Premio Oscar
2009
winner
miglior scenegg.ra originale
Premio Oscar
2009
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati